IPSOA Quotidiano

ANC e Confimi scrivono a Leo: tante le proposte. Da chiarire il versamento del saldo IVA 2023

20/02/2024 - ANC e Confimi industria hanno chiesto un chiarimento al Viceministro Maurizio Leo sulla scadenza per il versamento del saldo IVA 2023. Gli operatori necessitano di comprendere se i soggetti in area da concordato preventivo biennale (soggetti ISA comunque con ricavi/compensi non superiori a euro 5.164.000) potranno effettivamente confidare sul differimento a fine luglio, “senza maggiorazioni”, del versamento ordinariamente in scadenza il 18 marzo. Tante le proposte presentate tra cui l’introduzione di un termine quantomeno trimestrale (anche con maggiorazione dell’1%) per il versamento dell’IVA sugli acquisti in reverse charge di forfetari e minimi e rendere così gestibile l’adempimento.. ANC e Confimi industria hanno chiesto un chiarimento al Viceministro Maurizio Leo sulla scadenza per il versamento del saldo IVA 2023. Gli operatori necessitano di comprendere se i soggetti in area da concordato preventivo biennale (soggetti ISA comunque con ricavi/compensi non superiori a euro 5.164.000) potranno effettivamente confidare sul differimento a fine luglio, “senza maggiorazioni”, del versamento ordinariamente in scadenza il 18 marzo. Tante le proposte presentate tra cui l’introduzione di un termine quantomeno trimestrale (anche con maggiorazione dell’1%) per il versamento dell’IVA sugli acquisti in reverse charge di forfetari e minimi e rendere così gestibile l’adempimento..

Comunicazioni delle spese per bonus edilizi 2023: probabile proroga dell'invio al 4 aprile

20/02/2024 - Con comunicato stampa del 20 febbraio 2024, il CNDCEC ha evidenziato che vi sono state conferme che il termine per l’invio delle comunicazioni per le opzioni di cessione del credito e sconto in fattura relative alle spese per bonus edilizi sostenute nel 2023 sarà prorogato, presumibilmente al 4 aprile 2024, con provvedimento dell’Agenzia delle Entrate. Il CNDCEC ha inviato una richiesta in tal senso al Ministro dell'Economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti e al Viceministro Maurizio Leo. Con comunicato stampa del 20 febbraio 2024, il CNDCEC ha evidenziato che vi sono state conferme che il termine per l’invio delle comunicazioni per le opzioni di cessione del credito e sconto in fattura relative alle spese per bonus edilizi sostenute nel 2023 sarà prorogato, presumibilmente al 4 aprile 2024, con provvedimento dell’Agenzia delle Entrate. Il CNDCEC ha inviato una richiesta in tal senso al Ministro dell'Economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti e al Viceministro Maurizio Leo.

Precompilata, spese sanitarie: invio semestrale a regime

20/02/2024 - Con D.M. 8 febbraio 2024, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 19 febbraio 2024, il Ministero dell'Economia e delle finanze ha previsto la semestralizzazione dei termini di invio dei dati delle spese sanitarie. In particolare, per le spese sanitarie a partire dal 1° gennaio 2024, la trasmissione dei relativi dati è effettuata con cadenza semestrale: entro il 30 settembre di ciascun anno, per le spese sanitarie sostenute nel primo semestre del medesimo anno e entro il 31 gennaio di ciascun anno, a partire dal 2025, per le spese sanitarie sostenute nel secondo semestre dell’anno precedente. Con D.M. 8 febbraio 2024, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 19 febbraio 2024, il Ministero dell'Economia e delle finanze ha previsto la semestralizzazione dei termini di invio dei dati delle spese sanitarie. In particolare, per le spese sanitarie a partire dal 1° gennaio 2024, la trasmissione dei relativi dati è effettuata con cadenza semestrale: entro il 30 settembre di ciascun anno, per le spese sanitarie sostenute nel primo semestre del medesimo anno e entro il 31 gennaio di ciascun anno, a partire dal 2025, per le spese sanitarie sostenute nel secondo semestre dell’anno precedente.

Lavoro a termine: obbligatorio motivare il recesso con preavviso

20/02/2024 - Il diritto dell’Unione osta a una normativa nazionale che consente al datore di lavoro di non motivare il recesso con preavviso da un contratto di lavoro a tempo determinato mentre vi è obbligato quando recede da un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Lo ha previsto la sentenza della Corte di Giustizia Europea del 20 febbraio 2024, relativa alla causa C-715/20, con cui si stabilisce che il lavoratore assunto a tempo determinato non può essere privato di un’informazione importante per valutare l’eventuale carattere ingiustificato del suo licenziamento e, eventualmente, per agire in giudizio. Il diritto dell’Unione osta a una normativa nazionale che consente al datore di lavoro di non motivare il recesso con preavviso da un contratto di lavoro a tempo determinato mentre vi è obbligato quando recede da un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Lo ha previsto la sentenza della Corte di Giustizia Europea del 20 febbraio 2024, relativa alla causa C-715/20, con cui si stabilisce che il lavoratore assunto a tempo determinato non può essere privato di un’informazione importante per valutare l’eventuale carattere ingiustificato del suo licenziamento e, eventualmente, per agire in giudizio.

Riscatto laurea agevolato: costi e benefici previdenziali da valutare prima della scelta

19/02/2024 - Il riscatto della laurea agevolato permette, ad un costo minore rispetto a quello ordinario, di trasformare gli anni universitari in anni contributivi e quindi integrare la propria posizione contributiva ai fini del diritto e del calcolo di tutte le prestazioni pensionistiche. Occorre tuttavia valutare che l’aumento del montante contributivo con un effetto incrementale della futura pensione è minore di quello che si avrebbe se si facesse ricorso al riscatto della laurea ordinario. Quali sono quindi gli elementi da valutare prima della scelta del riscatto della laurea? Quanto costa? Cosa si può riscattare?  Il riscatto della laurea agevolato permette, ad un costo minore rispetto a quello ordinario, di trasformare gli anni universitari in anni contributivi e quindi integrare la propria posizione contributiva ai fini del diritto e del calcolo di tutte le prestazioni pensionistiche. Occorre tuttavia valutare che l’aumento del montante contributivo con un effetto incrementale della futura pensione è minore di quello che si avrebbe se si facesse ricorso al riscatto della laurea ordinario. Quali sono quindi gli elementi da valutare prima della scelta del riscatto della laurea? Quanto costa? Cosa si può riscattare? 

Consulente del lavoro, vecchie e nuove attribuzioni: per te il corso di autoformazione on line

19/02/2024 - Il processo di crescita della professione del Consulente del Lavoro vede affiancarsi alle attribuzioni professionali ormai tipiche, tutta una serie di attività che già oggi, ma ancor di più nel futuro, andranno ad arricchire il ruolo del professionista. Questo corso di autoformazione on line, gratuito per gli abbonati a IPOSA Quotidiano, a cura di Bruno Bravi, è occasione per fare importanti riflessioni sulle peculiarità di una professione ancora piuttosto giovane che, nel corso del tempo, è stata capace di farsi apprezzare a tal punto da spingere il Legislatore a riconoscerle un importante ruolo di terzietà e di sussidiarietà. Il corso è accreditato per i Consulenti del Lavoro e consente di maturare crediti formativi. Il processo di crescita della professione del Consulente del Lavoro vede affiancarsi alle attribuzioni professionali ormai tipiche, tutta una serie di attività che già oggi, ma ancor di più nel futuro, andranno ad arricchire il ruolo del professionista. Questo corso di autoformazione on line, gratuito per gli abbonati a IPOSA Quotidiano, a cura di Bruno Bravi, è occasione per fare importanti riflessioni sulle peculiarità di una professione ancora piuttosto giovane che, nel corso del tempo, è stata capace di farsi apprezzare a tal punto da spingere il Legislatore a riconoscerle un importante ruolo di terzietà e di sussidiarietà. Il corso è accreditato per i Consulenti del Lavoro e consente di maturare crediti formativi.

Bilancio di sostenibilità: chi deve redigerlo e perchè

21/02/2024 - Quali sono i soggetti obbligati alla redazione del bilancio di sostenibilità? E quali possono essere le motivazioni che spingono un'impresa alla predisposizione di tale tipologia di bilancio? Anche le imprese non (ancora) obbligate alla rendicontazione di sostenibilità possono scegliere di pubblicare un bilancio di sostenibilità, con l’obiettivo di trasmettere al mercato l'immagine di un'azienda affidabile e attenta all’ambiente e alle politiche sociali. In un futuro ormai prossimo, infatti, le aziende saranno valutate dal mercato non soltanto per l'aspetto reddituale-patrimoniale ma anche per le performance di sostenibilità. La mancata pubblicazione di tale tipologia di bilancio potrebbe quindi pregiudicare l'immagine di un’azienda, pur in presenza di buoni risultati economico-patrimoniali e finanziari. Quali sono i soggetti obbligati alla redazione del bilancio di sostenibilità? E quali possono essere le motivazioni che spingono un'impresa alla predisposizione di tale tipologia di bilancio? Anche le imprese non (ancora) obbligate alla rendicontazione di sostenibilità possono scegliere di pubblicare un bilancio di sostenibilità, con l’obiettivo di trasmettere al mercato l'immagine di un'azienda affidabile e attenta all’ambiente e alle politiche sociali. In un futuro ormai prossimo, infatti, le aziende saranno valutate dal mercato non soltanto per l'aspetto reddituale-patrimoniale ma anche per le performance di sostenibilità. La mancata pubblicazione di tale tipologia di bilancio potrebbe quindi pregiudicare l'immagine di un’azienda, pur in presenza di buoni risultati economico-patrimoniali e finanziari.

Revisori legali: rendicontazione di sostenibilità tra le nuove materie programma annuale per la formazione 2024

19/02/2024 - Il Consiglio Nazionale dei Commercialisti, con l’informativa n. 13/2024 del 19 febbraio 2024, comunica che con Determina del Ragioniere Generale dello Stato è stato adottato il programma annuale di formazione per i revisori legali 2024. La principale novità del programma formativo per i revisori legali 2024 è rappresentata dall’introduzione di un nuovo gruppo di materie, contraddistinto dalla lettera D), riguardanti alcuni temi relativi alla rendicontazione di sostenibilità e all’attestazione della conformità della rendicontazione di sostenibilità. Il Consiglio Nazionale dei Commercialisti, con l’informativa n. 13/2024 del 19 febbraio 2024, comunica che con Determina del Ragioniere Generale dello Stato è stato adottato il programma annuale di formazione per i revisori legali 2024. La principale novità del programma formativo per i revisori legali 2024 è rappresentata dall’introduzione di un nuovo gruppo di materie, contraddistinto dalla lettera D), riguardanti alcuni temi relativi alla rendicontazione di sostenibilità e all’attestazione della conformità della rendicontazione di sostenibilità.

Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD): in consultazione il decreto di recepimento della direttiva

19/02/2024 - Il Ministero dell’Economia e delle Finanze comunica che il Dipartimento del Tesoro ha avviato la consultazione pubblica sullo schema di decreto di recepimento della direttiva (UE) 2022/2464 Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD), sugli obblighi di rendicontazione societaria di sostenibilità. Il recepimento da parte degli Stati Membri della CSRD dovrà avvenire entro il 6 luglio 2024 pertanto i contributi dovranno essere inviati entro e non oltre 18 marzo 2024 via mail. I commenti pervenuti saranno resi pubblici al termine della consultazione, salvo espressa richiesta di non divulgarli. Il generico avvertimento di confidenzialità del contenuto della e-mail, in calce alla stessa, non sarà considerato una richiesta di non divulgare i commenti inviati. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze comunica che il Dipartimento del Tesoro ha avviato la consultazione pubblica sullo schema di decreto di recepimento della direttiva (UE) 2022/2464 Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD), sugli obblighi di rendicontazione societaria di sostenibilità. Il recepimento da parte degli Stati Membri della CSRD dovrà avvenire entro il 6 luglio 2024 pertanto i contributi dovranno essere inviati entro e non oltre 18 marzo 2024 via mail. I commenti pervenuti saranno resi pubblici al termine della consultazione, salvo espressa richiesta di non divulgarli. Il generico avvertimento di confidenzialità del contenuto della e-mail, in calce alla stessa, non sarà considerato una richiesta di non divulgare i commenti inviati.

Bonus pubblicità: prenotazioni dal 1° marzo

17/02/2024 - A partire dal 1° marzo e fino al 2 aprile 2024, imprese, professionisti ed enti non commerciali possono prenotare il bonus pubblicità per gli investimenti effettuati e/o da effettuare nel 2024. La comunicazione deve essere inviata tramite lo specifico servizio disponibile nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate, direttamente da parte dei soggetti interessati o avvalendosi di intermediari abilitati alla trasmissione delle dichiarazioni. Il bonus spetta per i soli investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica, anche online. Per beneficiarne, è necessario che l’ammontare complessivo degli investimenti pubblicitari realizzati nel 2024 superi almeno dell’1% l’importo degli analoghi investimenti effettuati nel 2023. Cosa indicare nella comunicazione? A partire dal 1° marzo e fino al 2 aprile 2024, imprese, professionisti ed enti non commerciali possono prenotare il bonus pubblicità per gli investimenti effettuati e/o da effettuare nel 2024. La comunicazione deve essere inviata tramite lo specifico servizio disponibile nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate, direttamente da parte dei soggetti interessati o avvalendosi di intermediari abilitati alla trasmissione delle dichiarazioni. Il bonus spetta per i soli investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica, anche online. Per beneficiarne, è necessario che l’ammontare complessivo degli investimenti pubblicitari realizzati nel 2024 superi almeno dell’1% l’importo degli analoghi investimenti effettuati nel 2023. Cosa indicare nella comunicazione?

Bonus colonnine domestiche: nuova apertura dello sportello

13/02/2024 - Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, con decreto direttoriale del 7 febbraio 2024, ha stabilito che le domande di concessione ed erogazione del contributo noto come “Bonus colonnine domestiche”, possono essere presentate a partire dalle ore 12:00 del 15 febbraio 2024 e fino alle ore 12:00 del 14 marzo 2024, utilizzando la piattaforma informatica disponibile online. In particolare presentare le domande i soggetti beneficiari che hanno acquistato e installato l’infrastruttura di ricarica nel periodo dal 1 gennaio 2023 al 31 dicembre 2023 e che non hanno potuto presentare la domanda completa della documentazione richiesta entro il termine di chiusura del precedente sportello. Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, con decreto direttoriale del 7 febbraio 2024, ha stabilito che le domande di concessione ed erogazione del contributo noto come “Bonus colonnine domestiche”, possono essere presentate a partire dalle ore 12:00 del 15 febbraio 2024 e fino alle ore 12:00 del 14 marzo 2024, utilizzando la piattaforma informatica disponibile online. In particolare presentare le domande i soggetti beneficiari che hanno acquistato e installato l’infrastruttura di ricarica nel periodo dal 1 gennaio 2023 al 31 dicembre 2023 e che non hanno potuto presentare la domanda completa della documentazione richiesta entro il termine di chiusura del precedente sportello.

Investimenti nel Mezzogiorno: si può richiedere il credito d'imposta per beni consegnati nel 2023 con fattura che perviene nel 2024

02/02/2024 - L’Agenzia dell’Entrate, rispondendo ad un quesito relativo al caso di un’impresa che ha ordinato un bene nel 2023, consegnato nel 2023 con fattura che perviene nel 2024, anche se con data 2023, chiarisce che in tal caso, sarà ancora possibile presentare nel 2024 istanze di accesso al credito d’imposta per investimenti nel Mezzogiorno. L’Agenzia dell’Entrate, rispondendo ad un quesito relativo al caso di un’impresa che ha ordinato un bene nel 2023, consegnato nel 2023 con fattura che perviene nel 2024, anche se con data 2023, chiarisce che in tal caso, sarà ancora possibile presentare nel 2024 istanze di accesso al credito d’imposta per investimenti nel Mezzogiorno.

Riforma della giustizia civile: nuove misure per la razionalizzazione e semplificazione delle procedure

16/02/2024 - Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che prevede disposizioni integrative e correttive al decreto che disciplina gli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie e introduce misure urgenti di razionalizzazione dei procedimenti in materia di diritti delle persone e delle famiglie nonché in materia di esecuzione forzata. Il provvedimento si inserisce nel quadro degli impegni assunti con il PNRR, ed è indirizzato alla semplificazione, speditezza e razionalizzazione del processo civile. Continua l’attuazione della completa digitalizzazione del processo civile e dell’eliminazione di adempimenti od oneri a carico delle parti ritenuti ormai superflui. Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che prevede disposizioni integrative e correttive al decreto che disciplina gli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie e introduce misure urgenti di razionalizzazione dei procedimenti in materia di diritti delle persone e delle famiglie nonché in materia di esecuzione forzata. Il provvedimento si inserisce nel quadro degli impegni assunti con il PNRR, ed è indirizzato alla semplificazione, speditezza e razionalizzazione del processo civile. Continua l’attuazione della completa digitalizzazione del processo civile e dell’eliminazione di adempimenti od oneri a carico delle parti ritenuti ormai superflui.

Scissione mediante scorporo: analisi della disciplina civilistica e profili applicativi

14/02/2024 - Consiglio e Fondazione nazionali dei commercialisti hanno pubblicato il documento dal titolo “La scissione mediante scorporo: analisi della disciplina civilistica e profili applicativi”. Considerata la novità delle previsioni che connotano la disciplina di questa tipologia di scissione e considerato l’interesse riscontrato nella prassi professionale, Consiglio e Fondazione nazionali hanno ritenuto opportuno effettuare un’analisi dei profili civilistici dell’operazione, illustrandone i tratti peculiari e dando conto di talune criticità sorte in sede di prima interpretazione del testo normativo in particolare dal punto di vista fiscale. Consiglio e Fondazione nazionali dei commercialisti hanno pubblicato il documento dal titolo “La scissione mediante scorporo: analisi della disciplina civilistica e profili applicativi”. Considerata la novità delle previsioni che connotano la disciplina di questa tipologia di scissione e considerato l’interesse riscontrato nella prassi professionale, Consiglio e Fondazione nazionali hanno ritenuto opportuno effettuare un’analisi dei profili civilistici dell’operazione, illustrandone i tratti peculiari e dando conto di talune criticità sorte in sede di prima interpretazione del testo normativo in particolare dal punto di vista fiscale.

Società di persone, Commercialisti: servono semplificazioni

14/02/2024 - Come evidenziato dal CNDCEC con comunicato stampa del 13 febbraio 2024, per le società di persone serve una riforma che introduca correttivi volti a facilitare trasparenza delle informazioni, anche contabili, e forme di rendicontazione semplificata che possano essere utili anche nella prospettiva della loro finanziabilità. L’indicazione è emersa dal Convegno “Le società di persone: prospettive di riforma per trasparenza e finaziabilità” organizzato dal Consiglio nazionale. Come evidenziato dal CNDCEC con comunicato stampa del 13 febbraio 2024, per le società di persone serve una riforma che introduca correttivi volti a facilitare trasparenza delle informazioni, anche contabili, e forme di rendicontazione semplificata che possano essere utili anche nella prospettiva della loro finanziabilità. L’indicazione è emersa dal Convegno “Le società di persone: prospettive di riforma per trasparenza e finaziabilità” organizzato dal Consiglio nazionale.

Quotidiano Giuridico

La nozione di ''dato sanitario'' alla luce dell'ordinanza n. 28417/2023 della Cassazione

22/02/2024 - Tutelata qualsiasi informazione riferibile all’interessato da cui emerga la necessità di cure mediche

Condominio: conferimento di delega in assemblea, asilo condominiale, casa di riposo, b&b

22/02/2024 - Cosa prevede il regolamento condominiale in questi casi?

Lavoratori e privacy: nuove tutele nella gestione della email

22/02/2024 - Il Garante chiede la modificabilità delle impostazioni dei programmi di posta elettronica per limitare la raccolta o l’utilizzo dei metadati (Provvedimento n. 642/2023)

Speciali

Pace fiscale

Fonte: ipsoa.it

Reddito di cittadinanza

Fonte: ipsoa.it

Quota 100 e pensioni 2019

Fonte: ipsoa.it

Fattura elettronica

Fonte: ipsoa.it

Tariffe Inail 2019

Fonte: ipsoa.it

Auto: ecotassa e bonus 2019

Fonte: ipsoa.it

Fondo Garanzia PMI

Fonte: ipsoa.it

Video

Bilancio: tante domande, un unico partner!

Bilancio: tante domande, un unico partner!

Guarda i video
IPSOA Big Suite

IPSOA Big Suite

Guarda i video
La Mia Biblioteca

La Mia Biblioteca

Guarda i video
No Risk Visure

No Risk Visure

Guarda i video
IPSOA inPratica Ademimenti fiscali

IPSOA inPratica Ademimenti fiscali

Guarda i video
IPSOA inPratica Lavoro

IPSOA inPratica Lavoro

Guarda i video
Strumenti di Marketing per Professionisti

Strumenti di Marketing per Professionisti

Guarda i video
TuttoLavoro Suite

TuttoLavoro Suite

Guarda i video
IPSOA InPratica Attività Economiche

IPSOA InPratica Attività Economiche

Guarda i video
IPSOA InPratica Adempimenti

IPSOA InPratica Adempimenti

Guarda i video
InPratica Lavoro

InPratica Lavoro

Guarda i video